Lo sguardo di Gino Strada campeggia sulla cabina ENEL di via Matteotti grazie alla collaborazione tra Comune e il progetto ENEL “Ridisegnare cabine”.

“Mentre stavolta l’ennesima guerra cominciata da lontano è in corso ai confini dell’Europa, tra il frastuono dei bombardamenti sui civili, l’esodo di massa di donne e bambini e la corsa al riarmo, le parole di Gino Strada inchiodano le nostre coscienze.
A Gino Strada, fiero rappresentante di un’idea di umanità fondata sulla solidarietà, da sempre in prima linea contro i conflitti e le diseguaglianze e in difesa dei diritti umani fino all’impegno per un vaccino universale, con il Comune di Guspini – e inparticolare con l’Assessorato alla Cultura abbiamo voluto dedicare un’opera di street art all’interno del progetto “Ridisegnare cabine” in collaborazione con E-distribuzione.”

Il nuovo murale Omaggio a Gino Strada è stato ufficialmente inaugurato la sera del 28 marzo 2022, hanno presenziato il sindaco di Guspini Giuseppe De Fanti, l’assessora alla Cultura Francesca Tuveri, e una rappresentanza di E-distribuzione, che ha sostenuto il progetto dell’assessorato alla Cultura con l’impegno a favore della street art, già concretizzato nel programma Ridisegnare cabine.

L’idea progettuale è stata affidata all’illustratore guspinese Carlo Giambarresi le cui collaborazioni vanno da “Il Corriere della Sera” al “The New York Times”. A supporto della realizzazione dell’opera artistica l’associazione Non solo Murales di San Gavino Monreale.

Nelle intenzioni dell’Amministrazione non solo un intervento di decoro urbano attraverso la riqualificazione di un edificio situato nel principale ingresso di Guspini, ma anche un messaggio sociale di pace particolarmente attuale e in linea con il pensiero del medico di Pace recentemente scomparso e riportato insieme all’effige di Strada sulla grande parete affacciata su via Matteotti: “Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra perché la guerra non si può umanizzare, si può solo abolire.” [Gino Strada]